In un’oasi di natura e bellezza, l’Appennino Reggiano regala emozioni e avventure. Da alte cascate coperte dalla fitta vegetazione, a panchine giganti da cui ammirare infiniti panorami. Sentieri di trekking alla volta della cima, e rifugi di montagna in cui gustarsi un bel piatto di polenta e porcini. Ma non è tutto. L’Appenino Reggiano è tutto da scoprire. Sei pronto? Ecco i miei consigli su cosa vedere nell’Appennino Reggiano!

Appennino reggiano cosa vedere
Appennino reggiano: 5 cose da vedere

Non ho mai avuto l’occasione di passare le vacanze in montagna. Però, alcuni luoghi dell’Appennino Reggiano mi hanno davvero affascinata. Spesso, in una domenica assolata o d’inizio autunno, immergermi nella natura di Reggio Emilia, mi ha fatto bene al cuore. Allora ecco cosa ti consiglio di vedere sul mio Appennino Reggiano!

Cosa vedere nell’Appennino reggiano: 5 chicche da non perdere!

1- Panchina Gigante del Monte Fosola

Sulla cima del Monte Fosola, tra Carpineti e Felina, esiste un’enorme panchina rossa, le cui dimensioni sproporzionate mi fanno tornare bambina. Fa parte del progetto Big Bench Community Project, e non potrebbe trovarsi in posizione panoramica migliore per rendere onore al suo scopo. Dall’alto della panchina, ammiro gli orizzonti lontani, la Pietra di Bismantova, simbolo di Reggio Emilia, il Cusna, e il Monte Ventasso, fino agli Appennini lontani.

Panchina gigante monte fosola, Appennino reggiano
Cosa vedere nell’Appennino Reggiano: la Panchina gigante del Monte Fosola

Poco distante, si trovano anche un’insolita capanna di legno, chiamata bizzarramente l’Hotel degli insetti. Un’allegra famiglia di funghi intagliati nel legno mi sorridono, mentre una cassettina contenente numerose cartoline della panchina gigante mi incita a credere nei miei sogni.

Sei ancora curioso? Scopri di più sulla Panchina Gigante del Monte Fosola in questo articolo!

2- Rifugio Monte Orsaro

Era il compleanno del mio ragazzo e io non sapevo dove mi avrebbe portata. Vedevo solo che i tornanti diventavano sempre più aspri, e la vegetazione sempre più boschiva. Il Rifugio Monte Orsaro si trova a 1300 metri di altezza, nel comune di Villa Minozzo. Qui si può scegliere di fare passare la giornata al rifugio, camminando nelle vicinanze e mangiare un bel piatto di polenta coi funghi, oppure avventurarsi per uno dei tanti sentieri CAI che partono da Monte Orsaro.

Appennino reggiano, cosa vedere
Rifugio Monte Orsaro

Si può arrivare fino al Monte Cisa e al Monte Prampa con un’escursione di 4.30 h. Arrivati al Monte Cisa, si può continuare fino ai Prati di Sara, dove un lago e cavalli allo stato brado regaleranno una bella giornata nella natura.

3- Lago Calamone e la vetta del Monte Ventasso

Il Lago Calamone è uno splendido specchio d’acqua nel comune di Ventasso Laghi, a 30 minuti di auto da Castelnovo Monti. Arrivati al parcheggio di Bar il Faggio, si intraprende un breve sentiero di una decina di minuti fino al lago.

Lago Calamone, Monte Ventasso
Lago Calamone, ai piedi del Monte Ventasso

È qui che potrete scegliere se rilassarvi sulle sponde del lago, magari con un bel picnic, oppure partire alla volta della vetta del Monte Ventasso. In un’oretta di camminata. Il sentiero 661, vi porterà proprio in cima (ben 1727 metri) dove svetta una grande croce.

Per scendere, si prosegue sempre sul sentiero 661, in direzione del rifugio Maddaena, dove arriverete in meno di mezz’ora. Qui, dopo esservi rilassati sugli ampi prati, riprendete il cammino per tornare al Lago Calamone in una cinquantina di minuti.

4- Cerreto Laghi

Nel nostro Appennino Reggiano si trova un altro meraviglioso lago, o meglio, una serie di laghi chiamati Laghi Cerretani. Si trovano proprio nel comune di Cerreto Laghi, dove recentemente sono stati aperti ben 10 sentieri di tutte le difficoltà e durate.  La maggior parte, arrivano fino al Lago Pranda, ma ogni percorso ha tappe diverse!

Se vuoi scoprire i 10 percorsi di Cerreto Laghi, clicca qui!

Sentieri a Cerreto Laghi
Cerreto Laghi, 10 percorsi nell’Appennino reggiano

Ma Cerreto Laghi è conosciuto anche per le sue piste innevate. La seggiovia parte proprio dal piazzale del Lago e arriva fino al rifugio Piella. Da qui il panorama è mozzafiato!

5- Cascata del Golfarone

La Cascata del Golfarone è un piccolo paradiso naturale del nostro Appennino Reggiano. Si tratta di una cascata alta 15 metri, nascosta tra a vegetazione del bosco. Si trova in Località Calizzi, vicino a Villa Minozzo e offre un rifugio di quiete e tranquillità dal caos cittadino. Tuttavia bisogna fare attenzione a scovare l’accesso al sentiero! Lo troverete vicino ad una piazzola per il parcheggio, poco dopo il cartello “Calizzi”. Potrete già sentire l’acqua che scorre, e dopo una breve camminata sarete giunti al torrente Secchiello.

Appennino Reggiano, cosa vedere
Cascata del Golfarone, Appennino reggiano

Ma per giungere alla Cascata dovrete bagnarvi i piedi!! Seguite il torrente in direzione opposta del corso d’acqua e lasciatevi meravigliare dall’imponente cascata!

Pinna l’immagine su Pintrest!

Ti aspetto sul mio profilo instagram per continuare a viaggiare con me “oltre le solite mete”!

Se sei in provincia di Reggio Emilia, ti consiglio di leggere anche 4 sentieri tra le colline di Quattro Castella!

Se ti è piaciuto l’articolo sulle 5 cose da vedere nell’Appennino Reggiano, lascia un like e condividi con i tuoi amici!

Iscriviti alla newsletter qui sotto per rimanere aggiornato sui miei racconti di viaggio!

Appennino Reggiano: cosa vedere in mezzo alla natura

4 pensieri su “Appennino Reggiano: cosa vedere in mezzo alla natura

  • Novembre 15, 2020 alle 12:23 pm
    Permalink

    L’appennino reggiano merita! Delle tue cinque chicche mi manca ancora la visita al Rifugio monte Orsaro, vedrò di rimediare, grazie!

    Rispondi
    • Novembre 15, 2020 alle 1:20 pm
      Permalink

      Grazie a te😊 l’appennino reggiano dovrebbero visitarlo tutti gli emiliani almeno!

      Rispondi
  • Novembre 19, 2020 alle 12:52 pm
    Permalink

    Perfetto!!! Molto bello.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *